search

Callosciurus prevostii

Il Callosciurus Prevosti è uno scoiattolo che vive principalmente nelle foreste. Il corpo misura 12,7-28 cm e la coda 7,6-25,4 cm; il peso va dai 150g ai 500 g. Il nome del genere significa «scoiattoli bellissimi» ed è piuttosto appropriato per questi animali, che sono tra i mammiferi più vivacemente colorati. La colorazione della pelliccia varia dal nero del posteriore e della coda, al rosso-marrone della pancia e delle zampe, mentre una lunga banda bianca va dal naso fino alla base della coda.
Distribuzione
Vive nelle foreste della penisola Malese
Alimentazione
Onnivoro,mangia tutti i tipi di frutta fresca, secca ed ortaggi.

Scoiattolo di Giava-Callosciurus notatus

Lo scoiattolo di Giava (Callosciurus Notatus) è uno scoiattolo estremamente adattabile, difatti lo si trova in una vasta gamma di habitat, tra cui foreste, coste, piantagioni, parchi ed aree semi-urbane. Il corpo è lungo circa 17-22 cm, con una coda di dimensioni analoghe, per un peso totale di circa 150-280 grammi. E' di colore marrone, con l’addome più chiaro e sfumature di arancione e due strisce nere ai lati.
Distribuzione
La specie spazia dalla Thailandia e Malesia peninsulare a Sumatra, Giava (da cui prende uno dei suoi nomi) e Borneo.
Alimentazione
Si nutre principalmente di foglie e frutta, specialmente quelle piantate dall'uomo come noci e cocco, tuttavia si adatta anche alle uova di uccelli ed insetti come le formiche

PETAURUS BREVICEPS

Il petauro dello zucchero (Petaurus breviceps), detto anche impropriamente "scoiattolo volante", è un piccolo marsupiale della famiglia dei Petauridi. La sua caratteristica principale è la capacità di spiccare lunghi salti planati grazie alla membrana estensibile che collega gli arti (patagio).
Distribuzione
Vive nelle foreste di Nuova Guinea Occidentale (Indonesia), Nuova Guinea e Australia
Alimentazione
Si ciba prevalentemente di frutta; spesso integra la sua dieta con proteine animali mangiando insetti come grilli e locuste

Genetta genetta

La genetta comune (Genetta genetta Linnaeus, 1758) è un carnivoro della famiglia dei Viverridi diffusa nell'Europa occidentale, in Africa e Vicino Oriente.
Distribuzione
Questa specie è diffusa nell'Europa occidentale, dove è stata introdotta, Africa settentrionale e subsahariana, Penisola Arabica e vicino oriente. Vive in zone alberate, sia sempreverdi che decidue, dove è spesso associata con corsi d'acqua.
Alimentazione
Si nutre di piccoli mammiferi, uccelli, uova, rettili, anfibi, pesci, insetti, frutta e funghi.

FURETTO, Mustela putorius furo

Mustela putorius furo, conosciuto comunemente come furetto, è un mammifero carnivoro appartenente alla famiglia dei mustelidi. Il furetto, abituato da secoli a dipendere dall'uomo, difficilmente sopravvive in natura. La lunghezza può variare dai 40 cm della femmina ai 60 cm del maschio. Le femmine restano sempre più piccole dei maschi. Il peso varia tra i 500 grammi ed 1 kg della femmina e tra i 1,5 kg ed i 2 kg nel maschio. I furetti dormono parecchie ore; possiamo dire che questi animali hanno due livelli di attività: o sono attivamente impegnati nel gioco, o dormono profondamente. Sono animali molto affettuosi e in generale poco aggressivi. Come la maggioranza dei suoi parenti Mustelidi, il furetto ha un corpo molto allungato e flessuoso, con zampe corte. La colonna vertebrale è particolarmente flessibile e gli permette di muoversi agilmente all'indietro in spazi angusti. Un esemplare vive in media 7-10 anni.
Distribuzione
Originario dell’Africa settentrionale e della Spagna, è stato inoltre introdotto in altre aree (per esempio in Sicilia e in Sardegna)
Alimentazione
Il furetto è un carnivoro puro. In cattività può essere nutrito con carne cruda, di solito quaglia o coniglio. L'adattamento della colonna vertebrale gli permette di entrare e muoversi a suo agio nelle tane delle prede, come topi, nidi d'uccelli e conigli.

Suricata suricatta

Il suricato (Suricata suricatta Schreber, 1776) è una mangusta della famiglia degli Erpestidi, unica specie del genere Suricata (Desmarest, 1804), diffuso nell'Africa meridionale.
Il nome scientifico deriva dal nome comune suricate, di derivazione francese mutuato dall'olandese, utilizzato in Sudafrica per identificare questo piccolo animale insieme all'altro termine meerkat, combinazione delle due parole in lingua Afrikaans meer-, "termite", e -kat, "mangusta".
Distribuzione
Questa specie è diffusa nell'Africa sud-occidentale, dall'estrema parte sud-occidentale dell'Angola attraverso la Namibia e il Botswana fino a tutto il Sudafrica. Vive nelle regioni aride aperte caratterizzate da vegetazione sparsa.
Alimentazione
Si nutre di invertebrati, particolarmente di coleotteri ed anche di imenotteri, pupe di insetti, termiti, ortotteri e scorpioni, mentre i rettili, incluse lucertole, gechi, serpenti e anfisbene.

Maialino vietnamita

Si tratta di un animale socievole quindi non bisogna lasciarlo spesso da solo ed è fra l’altro un buon compagno nei confronti di altri animali domestici.
Pulito e intelligente, può essere educato a evitare determinati comportamenti tramite rinforzi positivi, ha bisogno di giocare (vanno bene i vari giochi per cane o bambino, ma non devono essere troppo piccoli) e di essere coccolato, se sgridato può essere talvolta molto permaloso e nei confronti degli estranei può manifestare aggressività e difesa del territorio.
Distribuzione
Originari del vietnam, sono stati distribuiti dapprima in Svezia e in Canada
Alimentazione
onnivoro, ma tendendo ad ingrassare è necessario controllarne l'alimentazione e prediligere una dieta specifica

Cincilla, chinchilla lanigera

Il loro aspetto ricorda molto quello di un grosso scoiattolo(il peso oscilla fra i 300 e gli 800 grammi) con un'andatura simile a quella del coniglio. Presenta un pelo molto sottile e soffice che gli serve a mantenere costante la temperatura corporea, occhi tondi rossi o scuri o blu/viola e dei grandi padiglioni auricolari. Questi ultimi sono l'unico organo del cincillà che ha il compito di abbassare la temperatura corporea, sono ricchi infatti di capillari.
Distribuzione
Sud America (zona delle Ande)
Alimentazione
Generalmente è costituita da fieno secco e mangime apposito.

RICCIO AFRICANO Atelerix albivenris

Il riccio africano (Atelerix albiventris) è un mammifero insettivoro il cui peso varia dai 200 grammi fino ai 600. Generalmente il maschio è più grosso della femmina. In cattività l’animale può vivere fino ai 6 anni. Il riccio africano ha il corpo superiore ricoperto di aculei, mentre la pancia è coperta da una morbida pelliccia. Le spine, che lo ricoprono sul dorso, sono lunghe 0,5-1 cm e sono di colore bianco e marrone. E’ un animale notturno e non va in letargo. Il riccio è un animale solitario, in natura si incontra con le femmine solo per accoppiarsi. In caso si volesse comunque tentare una convivenza devono vivere in piccoli gruppi in cui il maschio presente è uno solo.
Distribuzione
E' originario della savana e zona arida dell'Africa centrale
Alimentazione
Si ciba di Insetti(Tarme Della farina, caimani, grilli e camole del miele). Si può integrare l'alimentazione con croccantini per gatti o per cani di piccola taglia, di tipo umido.

Callosciurus finlaynsonii

Il Callosciurus finlaysonii è un piccolo roditore della famiglia degli Sciuridi, originario del sud est asiatico. Il corpo è lungo circa 21 cm, con una folta coda di 22-24 cm. Ha una grande variabilità di colorazione della sua pelliccia che va dal nero al rosso, dal bianco al grigio, e può presentare anche combinazioni diverse di tutti questi colori.
Distribuzione
Questa specie è originaria del sud est asiatico (Birmania, Thailandia, Laos, Cambogia e Vietnam del Sud)
Alimentazione
La sua dieta si basa prevalentemente su semi, fiori e frutti

Pipistrello della frutta paglierino, Eidolon helvum

Pipistrello di medie dimensioni, la pelliccia è corta ed è sparsa sulla testa. Gli accoppiamenti avvengono tra aprile e luglio con l'inizio della stagione delle piogge e dopo un ritardo nell'impianto embrionale di 3-5 mesi, le nascite avvengono tra febbraio ed aprile, nuovamente durante la stagione piovosa più lunga. Vengono svezzati dopo circa un mese. L'aspettativa di vita è fino a 21 anni e 10 mesi.
Distribuzione
Questa specie è diffusa nell'Africa subsahariana e nella Penisola Arabica.
Alimentazione
Si nutre principalmente di frutti, foglie e fiori

Scoiattolo striato dell'Himalaya, tamiops macclellandii

I Tamiops macclellandii abitano le foreste tropicali e temperate; sono caratterizzati da 5 strie scure sul dorso, alternate a strie chiare, che hanno loro fruttato il nome di scoiattoli striati (usato anche per altri generi di Sciuridi). La lunghezza del corpo va da 10 a 16 cm, coda esclusa.
Distribuzione
Asia meridionale
Alimentazione
la sua dieta consiste principalmente di semi e parti di piante